05/10/2007
Presto il Piano per lo sviluppo
sottoPresto il Piano per lo sviluppo
Il Crotonese
Tra 3-4 mesi sarà consegnato a piazza della Resistenza il Piano strategico comunale. I tempi sono stati indicati direttamente dai rappresentanti del consorzio Ferrala Ricerche (Cfr) che si è aggiudicato la redazione con gara d'appalto, durante la cerimonia della firma del contratto con il Comune, alla quale hanno partecipato il sindaco Peppino Vallone, l'assessore alle Attività produttive, Cesare Spanò, e dirigenti e ricercatori del Cfr, tra i quali Remigio (presidente del Consorzio) e Franco Rossi, architetto e docente all'Unical. "Da questo Piano ci aspettiamo di mettere un punto fermo sulla scelta definitiva di cosa farà da grande la città di Crotone. I prossimi fondi Uè saranno forse gli ultimi", ha dichiarato il sindaco Peppino Vallone. "Il Piano strategico sta camminando di pari passo con il Piano di marketing territoriale: gli strumenti sono legati ed entrambi sono fondamentali per lo sviluppo", ha sottolineato l'assessore Spanò. "Durante l'elaborazione del Piano - ha spiegato Remigio Rossi - è fondamentale l'attivazione di un forum di partecipazione della cittadinanza e dell'imprenditoria. Ciò che è importante perché lo strumento sia poi efficace, è la condivisione delle scelte". Il Piano sarà scritto materialmente a Crotone da un pool di espelli del Cfr (alcuni sono docenti dell'Unical) affiancati anche da alcuni professionisti locali di vari settori. Fornirà un ventaglio di i-potesi di sviluppo valorizzando il patrimonio culturale e ambientale e del sistema produttivo e infrastnitturale esistente e potenziale, focalizzandosi su turismo, terziario e posizione geografica. Il costo e poco meno di centomila euro, finanziato dalla stessa delibera Cipe 20/2004 che ha finanziato pure i due progetti pilota per la realizzazione della strada Tufolo-mare e per la riqualificazione dell'area del porto vecchio. "Il nostro progetto allora si classificò primo in Calabria, ciò vuol dire che l'ente non ha perso la capacità di attrarre risorse", ha dichiarato il dirigente del settore urbanistica Sabino Vetta.